La Ring Light super conveniente è CFL !! Costruiamola insieme con pochi euro !!

Dopo secoli si riprende a pubblicare anche nella sezione “Fai da Te“, molto amata da voi lettori (e anche da noi scrittori) ma purtroppo difficile da ampliare perchè il tempo a disposizione per sbizarrirsi in progettini fai da te non è mai troppo.
L’argomento di oggi è un argomento che sicuramente piacerà molto a chi si occupa di fotografia in studio, still-life o portrait che sia…
Andremo infatti a realizzare, con una spesa a dir poco ridicola, un oggetto che nel più cinese dei negozi cinesi costa la bellezza di 200-250 euro.
Noi lo abbiamo realizzato con 13 euro….parliamo di un risparmio notevolissimo, che di questi tempi, come si suol dire, “sossoldi”.
Se non lo avete capito, anche guardando la foto di copertina, il progettino che oggi andremo a realizzare consiste in una Ring Light fatta con un tubo Neon (CFL) da 40W e 40cm di diametro.

Partiamo subito con gli accessori utili alla realizzazione della luce (pochissimi).
(Tutte le foto sono cliccabili per ingrandirle e vedere meglio i dettagli)

Materiale da procurarsi :
tubo neon circolare da 40W con diametro 40cm (il mio è da 39, va bene uguale), preso dal negozio cinese vicino casa alla dispendiosissima cifra di 6 euro.
starter (sono tutti uguali, non serve una marca in particolare), pagato 1 euro
reattore (non nucleare, mi raccomando), io ne ho preso uno della Relco che appunto copre i 40W, pagato 5 euro.
attacco a 4 pin per il neon e portastarter (io ne ho trovato uno con entrambi i componenti in uno), 1 euro

cavi vari, recuperati aggratis.
– Servirebbe anche un condensatore di rifasamento da , ma dato che parliamo di una singola luce neon e non di un impianto industriale da 30MW potete anche farne a meno.
Totale della folle spesa = 6+1+5+1= 13 euro.

Se volete evitare lo sbattimento (capirai) di comprare queste componenti e montarle da voi a casa potete anche comprare una plafoniera molto economica e smontare da li i pezzi necessari. Fate attenzione che la plafoniera sia con l’attacco a 4 pin per i neon, ormai questo genere di prodotti sta scomparendo a favore delle luci a risparmio con attacco E27 (l’attacco delle lampadine classiche).

Cosa è la Ring Light ?
La caratteristica della luce che andremo a costruire è che essendo rotonda sparge la luce in maniera uniforme in tutte le direzioni, annullando ombre dure e quindi diventa utilissima appunto per still-life, ritratti e chi più ne ha più ne metta.
In particolare è utilizzatissima nella fotografia di portrait (e moda) perchè lascia come catch light (ovvero il riflesso luminoso negli occhi) un cerchio luminoso invece del solito puntino classico del flash.
In passato su On50mm abbiamo realizzato un altro tutorial per una ring light a LED (clicca per aprire).

Collegamento dei fili e prova di accensione del neon:
Partiamo dalla base, il nostro scopo sarà quello semplicemente di costruire una plafoniera artigianale e poi collegare il neon circolare a uno stativo per poterlo usare a piacere.
Perdonate i collegamenti tra cavi molto alla buona fatti con il nastro adesivo isolante, sono solo una cosa temporanea, per fare un buon lavoro procuratevi i classici cappucci isolanti.

Iniziamo con l’innestare lo starter sulla sua basetta.
Poi procediamo a collegare i fili nel reattore.
Lo schema è semplicissimo. Si riconoscono i fili blu e marrone della comune corrente di casa, e i due fili bianchi del portastarter/attacco neon. Il reattore ha due punti di attacco. Ad uno si collega il blu e all’altro uno dei due fili bianchi del portastarter.
Il marrone e l’altro bianco vanno collegati assieme.
Come dicevo prima andrebbe inserito anche un condensatore per il rifasamento, ma si può evitare in questo caso di sfasamento molto leggero. Non noterete l’assenza di questo componente.
Fatto questo avete praticamente finito.

Non vi resta che inserire la presa e testare che la luce funzioni.
Se si accende e la luce si mantiene stabile allora la prima fase si è conclusa con successo.
Attenzione, non mettete le mani vicino il neon mentre è acceso, oltre al fatto che il neon si riscalda, potreste per sbaglio avvicinarvi troppo alla zona dove avviene il contatto tra connettore che porta la corrente e neon.

Come faccio ad attaccare il neon allo stativo ?
Per innestare il neon sul mio stativo mi sono dotato di un braccio orizzontale a contropeso, detto in gergo boom. E’ questo aggeggio qui a sinistra insomma.
Come potete vedere ingrandendo l’immagine, alla punta dell’asta orizzontale è presente una sorta di aggancio circolare. Non è un accessorio fotografico, è un banalissimo adattatore per montare una torcia sul manubrio di una bici.
Ho insomma utilizzato questo adattatore per agganciare il neon (che è tondo), alla barra (tonda) del boom.
Benissimo, ora possiamo montare il tutto sullo stativo.
Io ho utilizzato un comune laccio elastico trovato in giro per “appendere” il reattore al boom, a una distanza consona, permessa indirettamente dalla lunghezza dei cavetti bianchi.
Ecco quello che dovrebbe essere il risultato finale:

Come si può vedere, la vostra luce è pronta !!
ovviamente il boom che ho io è estendibile, in modo da permettere di operare con comodità da dietro la ring light con la fotocamera, con il prossimo aggiornamento sarà tutto ancora più comodo !!
Una raccomandazione. Io sono andato al risparmio sulla luce, e ne ho preso una davvero molto economica. Se avete modo di comprare una di maggiore qualità provate a cercarne una “flicker free” ovvero una che non presenti il fenomeno di “flickering” (credo che le T5 vadano bene), se invece volete andare al risparmio come me e prendere una economica, dovete scattare necessariamente a tempi compatibili con la frequenza. 
In Italia la frequenza della corrente è 50Hz, quindi dovete scattare a 1/50 o suoi multipli (1/200 – 1/150 – 1/100, ecc) per avere la scena “pulita” e senza bande più scure alternate a bande chiare.
Se dovete fare video allora diventa più complicato, perchè bisogna utilizzare dei parametri che molte reflex non permettono di modificare, quindi a quel punto comprate direttamente un neon migliore e evitate i problemi alla radice.
Non ci assumiamo alcuna responsabilità per eventuali danni a voi, a chi vi circonda o alle cose, che si potrebbero procurare seguendo questa guida! Prestate molta attenzione, se non avete praticità con questo genere di elementi elettrici non vi avventurate senza aver preso le dovute precauzioni (operare sempre con la presa staccata). Fate attenzione e non scherzate quando si maneggiano oggetti che sono potenzialmente pericolosi.
 
Qui una foto realizzata con questa configurazione, notate negli occhi il riflesso !!
Vado a questo punto a citare per correttezza il video di Youtube al quale mi sono ispirato per realizzare questo progettino. E’ un video molto carino, anche se non si vede benissimo, lo trovate QUI.
Nonostante il progetto sia a tutti gli effetti concluso, questo articolo lo lasciamo “in sospeso“, perchè mi piacerebbe inserire non appena ho un attimo una modifica a cui sto lavorando, per aggiungere un braccio snodabile con il neon in punta, di modo da regolare davvero come ci pare e piace la posizione del neon in questione, quindi STAY TUNED !!!
Se ti interessano altri progetti di Fai-da-te, vieni a leggerne altri qui sulla pagina del fai-da-te di On50mm !!
A prestissimo, sempre qui, sempre su On50mm Blog Fotografico !!!

11 Responses to “ La Ring Light super conveniente è CFL !! Costruiamola insieme con pochi euro !! ”

  1. El il secondo giorno che sto cercando l’attacco a 4 pin per il neon e portastarter e sembra che nessuno ha ideea di quello che sto parlando, neanche nei negozzi specializati.
    Dami un ideea da dove posso trovarlo in una zona come Milano!
    Grazie e complimenti per il articolo!
    Sebastian

    • Ciao Sebastian, se hai un cellulare con un minimo di fotocamera fai una foto all’aggeggio nell’articolo, e mostrala al commesso. E’ impossibile che non ce l’hanno, io l’ho trovato in un ferramenta di quarta categoria di un paesotto di provincia, figurati se non ce l’hanno a Milano. Probabilmente non riesci a spiegare bene cosa ti serve…Fatti un giro magari anche in qualche cinese, se non ricordo male quello sotto casa ne aveva a bizzeffe…;-)

  2. Che tempi vi permette di usare una ring light da 40w mantenendo l’apertura sugli f2-f2.8 ed iso al massimo 400? Grazie e supercomplimenti per il blog! 🙂

    • In realtà non posso darti questa info, perchè ogni stanza con una sua condizione di luce ti darebbe, ovviamente, diversi valori di tempi. Nella camera in cui era posizionato l’apparecchio, infatti, vi è un lucernario a soffitto, e la luce che entra da lì è diversa da quella che magari hai in camera tua…dire perciò che tempi riesco ad ottenere è senza la minima utilità…

  3. Ciao! Che bel tutorial, mi serviva proprio! Ho incominciato da poco a fare video su YT e ho qualche problemino con le luci. Ho pensato quindi di farmi la Ring Light come voi ma ho non ho un asta per tenerla su. Voi cosa mi consigliate per non spendere un capitale?

    • Ciao!!
      Allora, il mio consiglio è di procurarti uno stativo fotografico come quello che vedi in foto…si aggirano tra i 20-30 euro e con quello vai sul sicuro.
      Se proprio preferisci una soluzione artigianale, l’unica che mi viene in mente ora è usare un comune fusto di scopa (quelli di legno) dal costo irrisorio e agganciarlo in qualche maniera…come diametro stiamo li, solo che la cosa diventa più traballante perchè non ha una base solidissima. In bocca al lupo per il tuo progetto e per la realizzazione !!

  4. Ciao, grazie del consiglio! L’ho finita oggi, alla fine ho usato un circle da 40cm e da 40W non t5 perchè il negoziante mi ha detto che le T5 hanno un altro attacco che ancora non vendono sfuso. L’ho montata su un vecchi trepiede con l’aggancio x la telecamera spaccato. Lo starter e il reattore li ho fissati ad una gamba con fascette e biadesivo cosi non danno fastidio nell’apertura/chiusura. Per fortuna non sfarfalla e non fa strisce con la mia JVC R10 (americana). Sono molto soddisfatta! Grazie dell’aiuto e se vi può far piacere vi mando le foto 😉

  5. Salve anch’io vorrei costruire una ring light per fare dei video, volevo però comprare online il neon circolare, ho trovato questo http://www.cablematic.it/prodotto/Luce-continua-fluorescente-circolare-G10q-65W-T5/EL39/ credi vada bene? Potreste consigliarmi? 🙂 GRAZIE

    • Ciao !! Allora, di andar bene quel neon va bene, l’unica cosa è che è un filo caro….lo paghi un po’ di più di quanto lo pagheresti da qualche negozietto o da un negozio cinese di quartiere. Senza contare che suppongo che comprando da internet tu debba pagare anche le spese di spedizione. Come tipologia va bene, è anche bello grosso, quindi fai attenzione che il reattore che compri supporti i 65 W, infine ricorda che questo neon ha temperatura colore 5400K quindi è ottimo anche da interfacciare con eventuali flash (che si aggirano sui 5500K)…ciao !!

  6. Ciao io ho comprato delle luci circolari con attacco E27 che vorrei utilizzare come ring light..ma possibile che non riesco a trovare lampade da tavolo che posso muovere (in modo da dirigere la lce dove voglio) con il pezzo sopra staccabile per attaccarci appunto la mia circolare…qualche idea? Grazie mille!!

    • Giorgio Casiello

      Ciao Marti, benissimo, il concetto che hai espresso era anche quello che io avevo in mente !! Io ho fatto cosi, ho trovato in un mercatino dell’usato una di quelle lampade con braccio snodabile, diciamo tipo questa (http://img1.annuncicdn.it/25/5e/255ef63e79e48ec51202f7175464cc52_orig.jpg) la parte di sopra, la lampada vera è propria, non era smontabile, cosi con un po’ di spirito selvaggio l’ho spaccata ed eliminata. Costruito un piccolo supportino per il tubo neon l’ho poi montato con quell’aggeggio snodabile. Fatti un giro in qualche mercatino, la troverai di sicuro !! Al 99% dovrai anche tu esercitare forza bruta, perchè solitamente le “teste” non sono smontabili.

      Ciao, a presto !!

Lascia un commento