PANOSAURUS 2.0, la testa panoramica economica che non ti aspettavi.

Tempo di recensioni su On 50mm Blog Fotografico !!! Recensioni belle e interessanti, roba che vi farà girare “la testa”.
Giochino di parole a parte, oggi vi presentiamo una recensione che tanto avevamo atteso e in tanti (anche stranieri !!) ci avevano chiesto. Parleremo di una testa, una testa panoramica, e nella fattispecie della miglior testa panoramica in rapporto qualità/prezzo in tutta Europa.
Abbiamo girato molto tra forum e siti web, per poter cercare un modello che soddisfacesse i nostri desideri, un costo contenuto in primis, ma anche una qualità senza troppi compromessi. Abbiamo cercato a lungo e spulciato decine (forse centinaia) di siti e articoli dedicati anche oltreoceano, e alla fine l’abbiamo trovata…è lei la prescelta. E’ la PANOSAURUS 2.0 !!
Come recensione abbiamo deciso di fare un lavoro abbastanza articolato, quindi non un articoletto con due foto come purtroppo si trova spesso nel web. Abbiamo scattato molte foto, creato anche una mini-guida per il montaggio e addirittura l’abbiamo testata sul campo, abbinata a una Nikon d7000, un Fisheye Samyang 8mm e un treppiede Cullmann Magnesit 525 + CW30 per verificarne l’effettiva resa e funzionalità in condizioni di utilizzo pratico.
Una domanda, però, va fatta e deve essere chiarita prima di poter partire. E’ essenziale, e senza comprendere questa caratteristica non si potrà capire la reale importanza di una testa “panoramica“.
Una testa qualunque per treppiede, come potete vedere (alleghiamo qui un’immagine qualsiasi presa dal web) ha l’attacco della fotocamera in corrispondenza  della vite filettata che si avvita alla base della fotocamera.
Quando voi posizionate la fotocamera, e ruotate la testa per riprendere un panorama, il perno attorno al quale tutto il sistema gira è perciò il punto di attacco della fotocamera(che corrisponde al sensore come posizione), mentre di regola per ragioni fisiche/ottiche dovrebbe essere un punto chiamato “punto nodale”. Tale punto nodale varia per ogni lente, ma di solito si trova a pochi millimetri dietro la lente frontale dell’obiettivo. Questo “sfasamento” tra punto nodale e punto attorno al quale gira in realtà la testa provoca degli sfasamenti nelle foto scattate, che non permettono ai software di “cucitura” di effettuare delle cuciture esatte. Senza una testa panoramica, infatti, sarà molto difficile (spesso impossibile) riprendere panorami molto ampi senza incorrere in foto sfasate come ripresa che quindi sono difficilmente “cucibili“. Ora, tuttavia, dato che questo articolo non è finalizzato a spiegare la teoria delle teste panoramiche ci basta avervi dato una infarinatura, quindi per approfondimenti seguite i link che vi lasciamo a fine articolo. 
testa panoramica panosaurus 2.0Il compito di una testa “panoramica” come quella che abbiamo recensito noi è invece quello di permettere, tramite apposite scale graduate e piastre scorrevoli, innanzitutto di trovare il punto nodale della lente che usiamo, e sopratutto di poter scattare senza avere le problematiche citate.
La testa che ci accingiamo a recensire, inoltre (vera goduria) è una multirow, nel senso che permette anche di riprendere lo scatto a diverse angolazioni muovendo la barra angolare, consentendoci di realizzare non solo panorami equirettangolari, ma anche panorami 360 x 180, ovvero panorami full immersion, o sferici (come quello che abbiamo realizzato noi per farvi vedere come lavora la testa, presente a fine articolo).
Cliccando QUI puoi vedere uno dei tanti esempi presenti sul web di cosa una testa panoramica può fare.
Dopo questo utile preambolo partiamo con la recensione vera e propria.

Acquisto, spedizione, imballaggio:

La testa è prodotta negli USA, ma è stata acquistata da Amazon.de. Perchè? Semplice, perchè era più conveniente. Se compravamo la testa direttamente dal produttore negli USA il prezzo di vendita era circa 110 euro, ma c’era da considerare innanzitutto la mancanza di garanzia (quanto costerebbe rispedire in USA per farsi cambiare la testa difettosa !?), poi il fattore tempo, e sopratutto il fattore dogana. Se infatti la dogana avesse fermato il pacco ci saremmo persi per strada almeno altre 35 euro, senza contare che i tempi di spedizione si sarebbero allungati in una maniera paurosa. Facendo due conti, quindi, abbiamo scelto Amazon tedeschia per comprare la testa. Di listino costava 134,99 euro, a cui abbiamo aggiunto 5,78 euro di spedizione. Il totale finale è stato di 140, 77 euro.
Da alcuni controlli che abbiamo fatto il prezzo è abbastanza stabile, e diversamente da altri prodotti che cambiano prezzo ogni giorno, questo bene o male si è stabilizzato su questa cifra.
La spedizione è stata qualcosa di fenomenale. E non esageriamo.
testa panoramica panosaurus 2.0
L’oggetto è stato ordinato il 16 novembre, che era di sabatoe quindi ovviamente già sapevamo che la merce sarebbe partita il lunedi. Lunedi 18, come previsto, la merce è partita dalla Germania e ….rullo di tamburi….il 20 mattina era già in consegna !!! Solo 3 giorni per ricevere un prodotto dalla Germania, davvero ottimo come inizio.
Il prodotto è arrivato come di consueto nella confezione Amazon, ben imballato e protetto. La scatola del prodotto è anonima, nel senso che non porta loghi particolari, ma è semplicemente una scatola bianca.
Qui va fatta una specificazione.
Questo oggetto, pur venendo prodotto in numerosi esemplari, è un prodotto artigianale. Il produttore infatti (http://gregwired.com) non è un’industria, ma un tizio che ha avuto questa idea e ha deciso di costruirsela. Da qui anche nome di 2.0, dovuto al fatto che questa è la seconda versione, migliorata in tanti elementi, della testa. Il buono è che ovviamente è un prodotto fatto per durare (il produttore stesso lo dice nelle istruzioni) e quindi utilizza solo materiali di prima scelta e durevoli, e si vede. Perciò ovviamente non troverete certificati plastificati, locandine colorate eccetera, ma anzi un confezionamento palesemente artigianale (addirittura un paio di pezzi sono avvolti in un comune foglio da stampante A4, e all’interno del pacco c’è un biglietto di ringraziamento del costruttore stampato su un foglio di un quaderno a righi).
testa panoramica panosaurus 2.0
All’interno della confezione il materiale è diviso in 3 sacchettini di spugna, più come dicevamo un piccolo involtino di carta da stampante con un paio di pezzi. Il tutto è ulteriormente protetto da pillole di polistirolo da imballaggio.
Il contenuto dettagliato della confezione lo abbiamo riassunto direttamente sull’immagine, in un colpo d’occhio quindi si vede quello che è la testa (smontata, da montare) e gli accessori inclusi.
testa panoramica panosaurus 2.0
Le parti utili al montaggio della testa come si vede sono le piastre, la parte con la livella a bolla, la piastra d’attacco reflex, le manopole, la rondella grande e le viti.
Come accessori utili invece alla taratura e calibrazione per trovare il punto nodale troviamo il righello (un comune righello in plastica, carina l’idea di metterlo già nella confezione) e un piccolo chiodino con base in plastica (sembra tipo un paracolpi di quelli che si trovano in ferramenta, accresce la sensazione di prodotto artigianale).
Infine c’è la rondella piccolina, che serve qualora il foro di attacco della reflex sia poco profondo, in questo caso si mette la rondellina tra il foro e la vite come spessore (nel nostro caso, con Nikon d7000, non serviva).
Montaggio :
Come si vede dalla foto riepilogativa, la testa arriva a casa smontata per una questione di spazi e ingombri. Tocca a noi montarla. Vi assicuro che è un’operazione che abbiamo svolto in poco meno di un minuto, e anche il più imbecille di questo mondo potrebbe farlo in meno di 5 minuti. La parte lunga (nel nostro caso circa mezz’ora) è la taratura e la ricerca del punto nodale, che però è qualcosa che farete solo dopo aver completato il montaggio.

Per quanto riguarda il montaggio, abbiamo preparato un simpatico GIF. Il gif è un’immagine animata, composta da diversi fotogrammi. Abbiamo impostato che l’animazione deve mostrare un’immagine ogni 8 secondi, per permettere la lettura delle vignette e la visione della foto, quindi ovviamente non vi spaventate se non è immediato come scorrimento.

testa panoramica panosaurus 2.0

 

Per chi non volesse attendere il tempo imposto, o per chi volesse guardare in un “complessivo” tutte le foto dell’animazione, può accedere a questo link con le foto riunite in ununico pannello, vi basterà ingrandire la foto grande per vedere nel dettaglio le singole parti. CLICCA QUI per la foto statica
Se avete ulteriori esigenze di visione del prodotto, magari in video, potete guardare il video realizzato dalla ditta che commercializza la testa in Germania, fuori da Amazon. (clicca QUI per vedere il video)
n.b. nel video alcuni pezzi sono diversi, quella mostrata è, infatti, la versione iniziale della 2.0, ormai superata da quella che noi vi abbiamo mostrato.
Utilizzo, funzionamento, cosiderazioni :
Finito il montaggio è il momento di avvitare la testa sul vostro treppiede. Una raccomandazione, non svitate mai la vite centrale, quella che sta per intenderci sopra il cerchio graduato. Quella è la vite che regola la tensione della testa e svitandola potreste far perdere tensione al sistema, che quindi inizierebbe a muoversi senza attrito. E’ possibile regolarla, ma fate moltissima attenzione. Se all’inizio la testa vi sembra un po’ dura a girare è normale, succede fin quando il sistema non inizia a entrare in funzione.
Una volta montata la testa sul treppiede, il risultato sarà all’incirca questo (perdonate se queste foto non sono il top, ma sono state fatte con una compatta recuperata al volo in quanto la reflex era “in posa” sulla testa)
testa panoramica panosaurus 2.0testa panoramica panosaurus 2.0testa panoramica panosaurus 2.0testa panoramica panosaurus 2.0
Una volta avvitata la testa, la sensazione di stabilità è davvero impressionante. Girando tra i vari forum alcuni la denigravano perchè dicevano fosse troppo scadente, contrariamente per noi addirittura è stata una sorpresa constatare tutta questa qualità. Molto probabilmente quelli che si erano espressi negativamente avevano provato la vecchia versione, la 1.0, che ovviamente era una sorta di “prototipo“.
I pezzi sono tutti in alluminio anodizzato, e le parti in gomma sono davvero di ottima qualità, sopratutto la gomma che fa da bloccante per il braccio che si apre a 90 gradi (quello orizzontale), praticamente una volta serrata con la manopola, si attacca come una ventosa e mantiene benissimo la presa.
La portata è qualcosa di eccezionale. Una volta montata la reflex, il braccio non si è mosso di un millimetro.
Il produttore afferma che regge tranquillamente le 10 libbre(circa 4,5 kg) e difatti la sua foto parla chiaro:

testa panoramica panosaurus 2.0

Come dicevamo i materiali sono ottimi, forse solo la baseistintivamente dà poca fiducia perchè è in materiale plastico termoindurente, e a pelle dà la sensazione di fragile.
Non è così invece, e anzi, questa parte è fondamentale perchè assorbe le microvibrazioni e rende la testa ancora più stabile.
Molto particolare la base graduata, che è in plastica (ad occhio sembra il materiale dei CD).
Mentre altre teste montano un sistema di “click” ad ogni tot gradi di rotazione, in questo caso la rotazione scorre fluida senza stop meccanici, dovrete controllare ad occhio a quanti gradi posizionarla seguendo i numeretti e le guide. La testa è ben in tensione, quindi scelta una posizione non avrete timore che possa spostarsi da sola.
Una soluzione, quella della scala graduata senza click, che a video (quando stavo valutando questa testa) non tanto ci convinceva, ma provata ci ha davvero sorpreso per semplicità e funzionalità.

testa panoramica panosaurus 2.0

Il peso non è proprio da piuma, sono circa 0.9 kg, ma guardando un po’ in giro è anzi uno tra i più contenuti. Ci sono teste molto più blasonate (ecostose anche 3/4 volte di più) che arrivano a pesare anche più del doppio. Capirete che portarsi appresso un pezzo di ferro da 3 kili non è proprio il top, aggiunto al peso già di treppiede e attrezzatura fotografica.
Secondo le nostre valutazioni in questo caso è il giusto, nè troppo pesante, nè troppo leggera. Certo, se si poteva togliere qualcosa ancora era meglio, ma purtroppo se si vogliono i pezzi in alluminio il peso è quello. Altre soluzioni per avere più leggerezza potevano essere l’uso di materiali compositi o leghe più leggere, ma ovviamente i prezzi sarebbero saliti alle stelle (e quindi avrebbe perso la caratteristica del prezzo contenuto).
Come ingombro non è eccessivo, una volta richiusa. Non è necessario smontarla in tutti i pezzi iniziali, basta semplicemente staccare la parte verticale da quella orizzontale mediante la manopola in basso. In questo modo gli ingombri diventano diciamo quelli di una mezza stecca di sigarette (il righello è 15cm, per capirci).

testa panoramica panosaurus 2.0

Una volta montata bisogna procedere alla calibrazione, e alla relativa ricerca del punto nodale per il modello di reflex/lente che avete.
In questo caso non abbiamo fatto altre foto con il procedimento perchè le misurazioni variano da reflex a reflex, e da lente a lente. Tuttavia potete seguire le ottime istruzioni presenti sul sito del produttore, a cui vi lasciamo il LINK per eventuali consultazioni. Sono in inglese, ma qualora non capiate qualche passaggio potete usare Google Translate (http://translate.google.it) o potete scrivere nei commenti e vi aiuteremo senza problemi a capire come procedere.

Passiamo a una considerazione su un elemento fondamentale, che fino ad ora avevamo tralasciato. Il prezzo.
L’idea di partenza era trovare una testa economica, o meglio quella che (con un budget medio-basso) poteva accoppiare basso costo ma qualità non proprio spregevoli. Come dicevamo abbiamo girato molto e alla fine abbiamo trovato questa testa. Ora, premettendo che al mondo teste panoramiche multirow come questa a prezzi più bassi è molto difficile trovarne (ne avevamo trovate solo un paio ma erano cinesi e non sembravano affatto stabili), aggiungiamo anche che questo è un prodotto davvero ben fatto e pur essendo di progettazione/realizzazione artigianale, fa anche la sua porca figura a livello estetico (spesso i prodotti artigianali sono leggermente “arrangiati”). Detto ciò, va detto che davvero questa testa per quello che costa (ci ripetiamo, è una tra le teste panoramiche più economiche al mondo) offre davvero tanta, ma tanta, qualità. Quindi rapporto qualità/prezzo alle stelle.

Concludiamo con la solita carrellata di PRO e CONTRO che ci sentiamo di evidenziare su questo prodotto, anche se stavolta davvero i PRO surclassano abbondantemente i CONTRO. Qualcosa si poteva migliorare, ma parliamo di quisquilie in confronto ai pregi della testa in quesione.

PRO

  • Economica, in tutto il mondo sono poche quelle ancora più economiche, ma è solo robaccia cinese
  • Materiali di ottima fattura, essenziali per durare nel tempo
  • Semplice da montare e calibrare, se ci si mette con attenzione in mezz’ora è tutta pronta
  • Non troppo pesante e ingombrante, rispetto a molte colleghe è molto più leggera e compatta
  • Esteticamente accattivante, pur essendo artigianale ha una finitura molto PRO
  • Tutti gli accessori che servono a montaggio e calibrazione sono già compresi nel pacco, non serve altro
  • Rapporto qualità/prezzo impressionantemente alto (lo abbiamo già detto vero !?!)

CONTRO

  • Un sacchettino/borsetta per riporla non sarebbe stato male, nella scatola ci sono solo i pezzi di montaggio
  • Cacciavite magnetico che si può perdere facilmente, meglio tenerlo separato e quando serve lo si esce

La valutazione finale è palese, positiva al 100%. Cercavamo un prodotto economico e l’abbiamo trovato, un prodotto affidabile e stabilee l’abbiamo trovato, un prodotto reperibile senza andare a prenderlo dall’altra parte del mondo e l’abbiamo trovato.

Va da sè, perciò, che la nostra opinione a riguardo è più che ottima, quindi possiamo appioppare senza troppe remore un bel 5 stelle a pieni voti, meritatissimo e senza indugi.
Insomma, questo accessorio rientra in quelli che possiamo definire i must have del buon fotografo, in particolare per coloro che amano la paesaggistica, o per coloro che fanno molta fotografia di interni.

Attenzione la recensione che avete letto è frutto di nostre reali opinioni sul prodotto. Nessuno ci paga per tessere le lodi di un prodotto (nè mai abbiamo accettato di farlo), ma semplicemente quello che leggete è segno di nostro reale gradimento per quello che abbiamo provato (comprando a nostre spese).

Fonti e link da consultare:
Speriamo che la recensione di oggi vi sia piaciuta, così ricca di materiale anche visivo e testuale. Lasciate un vostro commento nel box in basso, fateci sapere se è stata di vostro gradimento, se avete ancora qualche dubbio in particolare, se volete proporre qualche miglioria o suggerimento per migliorare ancora l’accuratezza di questa recensione. La vostra partecipazione attiva, come sempre, è il cuore di questo blog, che non nasce per spirito esibizionista, ma per diffondere realmente cultura e novità utili al popolo fotografico.A presto allora, con nuovi e interessanti articoli, sempre qui, sempre su On 50mm Blog Fotografico !!

10 Responses to “ PANOSAURUS 2.0, la testa panoramica economica che non ti aspettavi. ”

  1. Un lavoraccio, bravo giò il risultato si vede eccome. Questa testa è una valida alternativa alle varie sunwayphoto, e benro, sicuramente più costose per ottenere lo stesso tipo di movimenti…Per non parlare di manfrotto e markins

    • Grazie Roberto, si ho voluto davvero mettere alla prova questa testa perchè sono sicuro merita molto di più di alcune sue concorrenti che, venendo prodotte da aziende famose e blasonate, possono contare su un apparato pubblicitario e di marketing molto più spinto. Questa testa è prodotta da un singolo tizio, che con impegno e passione ha prodotto qualcosa di veramente degno di nota, quindi assolutamente meritevole di una buona (e meritata) diffusione…grazie per la lettura e il commento !!

  2. Recensione chiara e completa, grazie per la condivisione!!

    • Grazie Matteo !!! Abbiamo cercato di rendere la recensione più completa possibile, in modo da saper orientare coloro che cercano un prodotto valido nella direzione che noi abbiamo valutato la migliore sul panorama europeo e, forse, addirittura mondiale !!

  3. Confermo la recensione in ogni parte!
    Esistono altre teste panoramiche valide (vedi Nodal Ninja, Manfrotto, Benro, ecc..), sono fatte meccanicamente nello stesso esatto modo della Panosaurus, ma questa è imbattibile come prezzo.
    Confermo anche l’acquisto su Amazon.de al link da te inserito: l’ho ordinata da lì sabato scorso, oggi è mercoledì e mi è appena arrivata a casa, 3 giorni lavorativi esatti, incredibile!!!

    • Grazie Chiara per il tuo parere…come già detto nell’articolo in questione, ma anche altrove, ci impegniamo ad essere il più oggettivi possibile sui prodotti che testiamo, anche perchè nessuno ci paga o sponsorizza per farlo quindi siamo “liberi” nel poterci esprimere.
      Personalmente mi sono trovato benissimo con questa testa e, pur non avendola adoperata moltissimo, quelle volte che l’ho usata è stata perfetta. Mi fa piacere quindi di averti aiutato e che tutto ciò che abbiamo scritto abbia trovato riscontro pratico anche nel tuo caso !!
      Ciao !!

  4. Sono Nicola Poli, un semplice fotografo , però mi piace fare le cose per bene. Per prima cosa ringrazio di cuore per avere avuto la possibilità di leggere il vostro chiaro e articolo. Devo però, ricordare che tutti i tutorial che ho seguito della stessa PANOSAURUS 20, la fotocamera viene sempre sistemata nel senso verticale, ma è possibile che non ci sia possibilità di scattare in orizzontale ? Vorrei leggere per via e-mail il Vostro parere in merito. In attesa, abbiate i miei ringraziamenti e distinti saluti.
    NICOLA POLI

    • Giorgio Casiello

      Ciao Nicola, grazie per l’attenzione nella lettura dell’articolo. Quello che dici è corretto, non è possibile sistemare la fotocamera in orizzontale. In realtà credo che quasi nessuna di questo tipo di teste panoramiche lo permetta. Perchè? Perchè scattando in orizzontale vai a perdere una grossa fetta di informazioni sul cielo e la terra (che invece hai quando scatti in verticale), rendendo quindi impossibile una “cucitura” sferica precisa. Questa testa è studiata appositamente per realizzare virtual tour, o foto sferiche, non è una testa per foto normali su treppiede. Per quella funzione più “standard” ce ne sono altre che hanno anche il movimento pan (rotatorio), ad esempio qualunque testa a sfera ha quella funzione. Sono due cose diverse, e una non esclude l’altra.

      Ciao !!

  5. Sapete se è compatibile con qualsiasi cavalletto manfrotto?

    • Giorgio Casiello

      E’ compatibile con qualunque treppiede con testa smontabile. Se il tuo manfrotto ha la testa svitabile allora è possibile montare questa testa panoramica. In realtà si potrebbe anche montare SOPRA la testa manfrotto, ma perde di stabilità e diventa molto impreciso, quindi non ne vale la pena…

Lascia un commento